Ascolta il tuo cuore, città

Il titolo – debitore, con un’intenzionale variazione, a un favoloso libro di Alberto Savinio – è un passeggiare randagio e sentimentale per Milano. Lo facciamo come se avessimo sempre acceso un microfono in presa diretta sulla memoria dei luoghi, per intercettare, con parole e musica, quello che si vede ma soprattutto quello che si vede a fatica o non si vede più. E allora bisogna affidarsi al ricordo, ovvero al cuore. Perché la parola “ricordare” punta proprio al cuore, re-cordare, riportare al cuore. Lo facciamo come se fosse un gioco di associazioni di immagini, di storie, qualche volta di fantasmi. Crediamo, o perlomeno speriamo di farlo con quel grado di ironia e di “sguardo amoroso” per una città che non è mai stata troppo incline a mostrare se stessa e a conservare di se stessa un’immagine convenzionale. Forse adesso non è più così, ma a noi piace pensare che sia più bello intravedere che vedere. 

Ascolta il tuo cuore, città va in onda ogni lunedì alle 20.10 dalle onde radio di Spiritophono, la web radio di Spirit de Milan.

Presentatori

Claudio Sanfilippo, cantautore, chitarrista e scrittore milanese, ha pubblicato dodici album (con una Targa Tenco nel 1996 per “Stile libero”) e ha scritto canzoni per molti artisti tra cui ricordiamo Mina, Eugenio Finardi, Cristiano De Andrè e Pierangelo Bertoli. Sua la sigla Rai dei mondiali di calcio 2014 (“La palla è rotonda”, cantata da Mina). Nel 2013, insieme a Carlo Fava e Folco Orselli, ha ideato “Scuola Milanese”, un format musicale e narrativo che ha prodotto decine di serate con un centinaio di ospiti. Ha pubblicato libri di narrativa e poesia per diversi editori (Mondadori, Rizzoli, Solferino, Hoepli, Arcana, Edizioni del Foglio Clandestino). www.claudiosanfilippo.it

Gino Cervi, milanese d’adozione, lavora da trent’anni nell’editoria (Mondadori, De Agostini, Microsoft, Touring Club Italiano, Hoepli, Ediciclo Editore, Bolis Edizioni). Ha curato e scritto dizionari, enciclopedie, libri illustrati, guide turistiche e cicloturistiche, storie di sport, in particolare di bicicletta, dal Giro d’Italia a Fausto Coppi. Su e intorno a Milano ha curato edizioni delle poesie di Carlo Porta e Delio Tessa; con Sergio Giuntini, ha pubblicato Milano nello sport (Hoepli Editore, 2014) e con Claudio Sanfilippo, Michele Ansani e Gianni Sacco, 1899. AC Milan. Le storie (sempre Hoepli, 2019).

Davide Ferrari lavora come attore, regista e autore. Tra le sue pubblicazioni: il poemetto Eppure c’è una meta per quel fiato di universo (Subway Edizioni 2014) – testo vincitore per l’Italia del concorso internazionale Pop Science Poetry organizzato dal CERN di Ginevra; la silloge Dei pensieri la condensa (Manni 2015) scritta in dialetto pavese, con prefazione di Franco Loi, e vincitrice del premio nazionale Giuseppe Tirinnanzi 2016. Tra le sue produzioni teatrali: Risonanze. Le voci dell’Appennino (2018), Il professore e la cantante. La grande storia d’amore di Alessandro Volta (2019), Coppi e il diavolo ovvero quando il Campionissimo incontrò Gioânbrerafucarlo (2019). Conduce laboratori di teatro e scrittura creativa con i detenuti delle Case Circondariali di Pavia, Monza e Voghera dove dirige la compagnia Maliminori composta da attori detenuti.

LE PUNTATE

Bovisa fa rima con ghisa

Le storie del popolare quartiere operaio dove, nei romanzeschi spazi della vetreria Fratelli Livellara, è ospitato lo Spirit de Milan e da dove si diffonde Radio Spiritophono. Com’era e com’è nelle voci di Albano Marcarini, scrittore e geografo, Antonio Silva, storica voce del Club Tenco, e Laura Montedoro, docente di urbanistica al Politecnico di Milano. E con le parole di Enzo Jannacci, Nanni Svampa, Giovanni Testori, Giancarlo Consonni, Maurizio Cucchi, Ermanno Olmi.

Velodromo Vigorelli: la pista magica

Un anello ellittico nel cuore di Milano, all’ombra delle nuove torri di City Life, racconta storie di sport – i grandi del ciclismo hanno corso qui – e di boxe, ma anche di musica: il primo concerto dei Beatles in Italia, nel giugno 1965, la battaglia urbana dei Led Zeppelin nel 1971. Le testimonianze di Renzo Zanazzi, che ha corso con Coppi e Bartali, di Francesco Cataluccio, sul senso allegorico del “surplace” di cui era maestro Antonio Maspes, a cui il velodromo è intitolato; e di Riccado Bertoncelli su quella serata coi Led Zeppelin. E poi i ricordi di Mario Fossati e Duilio Loi.

Milano sull’acqua: Darsena e dintorni

Milano, anche se quasi non lo sa, è una città d’acqua, che cammina su un sottosuolo d’acque. Fiumi intombati e Navigli ne tracciano una geografia acquatica che è ormai poco più che memoria. Partendo da un racconto di Claudio Sanfilippo, ci siamo fatti accompagnare da Pinin e Fiorenzo Carpi, Franco Fortini e Franco Loi, Delio Tessa ed Primo Moroni a scoprire anche noi “fin dove arriva l’acqua”.

L'Arena Civica: il più antico degli stadi moderni

Diceva Gianni Brera, il cui nome dal 2002 è associato a questo storico luogo di Milano, che “l’Arena Civica è il più moderno degli stadi antichi; o il più antico degli stadi moderni”. Proprio così: nel cuore di Milano c’è uno stadio che nasce con Napoleone, duecento e passa anni fa, e ancora oggi risuona al suo interno delle grida festose delle naumachie e delle manifestazioni aerostatiche, degli arrivi dei primi Giri d’Italia e delle favolose gesta di Peppino Meazza, ma anche delle note della grande orchestra di Arturo Toscanini e del mitico concerto in omaggio a Demetrio Stratos. Passando per Stendhal e Adolfo Consolini, Giuseppe Verdi ed Erminio Spalla, a parlare dell’Arena con ci saranno con noi Giovanni Lodetti e Eugenio Finardi.